DETTAGLI DIMENTICATI?

LA NOSTRA STORIA

Tutto inizia dal mare.

La nostra storia ha inizio con il sacrificio e la determinazione di chi ha vissuto il mare come duro lavoro quotidiano, e dal mare ed i suoi immensi spazi ha avuto in dono la capacità di guardare lontano. Tullio Giammarini da ragazzo era un tipico pescatore di vongole a Torre di Palme, quattro case affacciate su un promontorio roccioso a picco sull’Adriatico. Come per tutti i giovani, anche quelli nati nel 1902, il suo sogno non era quello di una vita segnata dal sacrificio quotidiano senza grandi prospettive, e fra un’uscita in mare e l’altra, iniziò a fare il garzone nel laboratorio di pasticceria di Luigi Gaviorno, nella vicina Porto San Giorgio, la “Premiata Fabbrica Confetteria Pasticceria Torinese.”

Ben presto capì che la sua vera passione era creare delizie per gli occhi e per il palato con dei semplici ingredienti. La sua creatività aveva trovato la strada, e dopo diversi anni passati ad apprendere il mestiere ed i segreti della rinomata arte pasticcera piemontese, decise di fare il grande salto: aprire la sua prima pasticceria a Pescara. Tuttavia non fu un successo, dopo qualche anno decise di trasferirsi a San Benedetto del Tronto.

Questo piccolo paesino di pescatori stava crescendo grazie al mare, il quale era tornato necessario anche per Tullio. San Benedetto del Tronto era il posto giusto per far ripartire il sogno. Era il 1937, quando aprì la prima pasticceria della cittadina, che ben presto divenne un punto di riferimento. Da quel momento e negli anni successivi lo sviluppo fu travolgente e pieno di successi e soddisfazioni.

Nei primi anni 50 il laboratorio aveva ormai aveva ambizioni di piccola industria, si trasferì dunque in un vecchio cinema nel centro della città, acquistato e ristrutturato con il preciso scopo di creare qualcosa di unico. L'obiettivo era quello di avere sotto lo stesso tetto un efficiente laboratorio artigianale, un punto vendita e soprattutto un luogo di prestigio da mettere a disposizione della città e dei suoi abitanti per un evento fondamentale nella vita di tutti: il matrimonio. Furono realizzate due sale gemelle da 250 posti con lo specifico scopo di ospitare banchetti nuziali. Tutto fu fatto al massimo delle possibilità. Marmi pregiati, stucchi e bassorilievi del noto scultore offidano Aldo Sergiacomi, un servizio con porcellane di pregio, cristalli, posateria in argento, cucine all’avanguardia e quant’altro potesse aiutare a creare un’atmosfera magica per i grandi festeggiamenti nuziali.

Negli anni 70, con la costruzione di uno stabilimento di 2500 mq sulle colline della città, la produzione dolciaria acquisì sempre più un carattere industriale, affiancando e supportando le altre proficue attività di vendita e di organizzazione di ricevimenti. Ancora oggi è lì che lavoriamo.

Seguirono anni di continui successi. Con l’insediamento industriale la produzione lentamente si concentrò e si specializzò nella lavorazione del cioccolato. Le redini ormai erano nelle mani della seconda generazione della famiglia e nel decennio 1970- 80 l’industria dolciaria Giammarini divenne una delle realtà più conosciute a livello nazionale nella produzione di uova di cioccolato.

La lavorazione del cioccolato divenne ben presto la sola ed unica attività, nella quale infatti vennero concentrati tutti gli sforzi, anche a discapito della originaria predisposizione alla pasticceria ed alla ristorazione.

Da quel momento la storia della nostra azienda si intreccia con quella dell’industria dolciaria italiana e con essa, tra alti e bassi, mantiene ancora viva l’identità culturale del cibo nel nostro paese.

Oggi è la terza generazione della famiglia a gestire l'azienda dolciaria. E’ la generazione che ha vissuto le maggiori mutazioni del mercato, della tecnologia, delle abitudini dei consumatori e che ha visto nascere le grandi catene di supermercati e con esse le grandi multinazionali del settore dolciario. Ciononostante quello che è rimasto immutato è la capacità, l’impegno, la cura e la dedizione nel lavoro. Il forte legame con la tradizione del mestiere e con l'artigianalità si manifesta nella cura dei dettagli e nella ricerca accurata delle materie prime. Questo legame, insieme soprattutto all'amore per ciò che facciamo, sono la forza motrice dell’azienda. Questa è la ricetta della ditta Giammarini, semplice, imperturbabile, tramandata di padre in figlio da ormai quasi 100 anni.

TORNA SU